Fai attenzione a queste truffe camuffate da assistenza tecnica.

Tutti conosciamo la frustrazione. Un nuovo dispositivo tecnologico non funziona come dovrebbe. O forse la configurazione si sta semplicemente rivelando più difficile del previsto. È piuttosto irritante, vero? Assicurati solo di non cadere vittima di una truffa camuffata da assistenza tecnica nel momento stesso in cui cerchi aiuto.

Come molte truffe in circolazione, quelle camuffate da assistenza tecnica giocano sull’emotività delle persone, in particolare sulla frustrazione che si prova quando le cose non funzionano come dovrebbero. Vuoi che quel problema venga risolto subito. Per questo motivo, potresti non prestare abbastanza attenzione a quel link di assistenza tecnica che hai trovato nel corso di una ricerca o in un annuncio. Potrebbe trattarsi di assistenza tecnica che sembra legittima, ma non lo è.

Le truffe camuffate da assistenza tecnica sono molto remunerative per i malintenzionati. Infatti, le più grandi operazioni di truffa camuffate da assistenza tecnica vengono organizzate e gestite come un business, con call center, team di marketing, contabilità e così via.

Questi truffatori riescono a guadagnare in diversi modi. A volte chiedono tariffe considerevoli per risolvere un problema inesistente. Altre volte, installano malware per rubare informazioni fingendo che si tratti di un software finalizzato a correggere un problema. In alcuni casi, chiederanno di accedere in modalità remota al tuo computer per eseguire una diagnosi, ma lo scopo è invece quello di rubare informazioni.

Fortunatamente, queste truffe sono piuttosto facili da individuare ed evitare se sai a cosa prestare attenzione.

Come si presentano le truffe camuffate da assistenza tecnica?

Iniziamo con una rapida panoramica delle truffe di questo tipo. Si suddividono in due categorie principali.

In primo luogo, ci sono le truffe che ti rintracciano attivamente.

Può trattarsi di una telefonata proveniente da qualcuno che si spaccia per un rappresentante di “Microsoft”, “Apple” o altra azienda nota. Il truffatore all’altro capo del filo ti dirà che c’è qualcosa che non va nel tuo computer o dispositivo: si è verificato un problema urgente. Quindi ti offrirà una soluzione fasulla al problema fasullo, spesso a un costo elevato. Allo stesso modo, potresti venire contattato per mezzo di un annuncio pop-up. Anche in questo caso ti viene comunicato che il tuo computer o dispositivo richiede un intervento urgente. Potresti incappare in queste truffe in diversi modi:

  • Facendo clic sui link all’interno di email non richieste.
  • Da annunci pop-up di siti rischiosi.
  • Tramite pop-up in siti legittimi nei quali sono stati inseriti annunci dannosi.
  • Per mezzo di telefonate spam, che possono essere automatizzate o effettuate da un operatore.

In secondo luogo, ci sono le truffe in agguato.

Si tratta di servizi e siti fasulli che fingono di offrire assistenza tecnica legittima ma in realtà hanno ben altro scopo. I truffatori pubblicheranno annunci di ricerca e annunci nei social media, in modo da avere possibilità di essere contattati da utenti che hanno un problema da risolvere. Gli esempi includono:

  • Annunci online, post di forum e siti di blog.
  • Pubblicità su siti di social media come Facebook, Reddit, YouTube e Tumblr.
  • Risultati di ricerca (perché anche i truffatori pubblicano annunci di ricerca a pagamento!)

Le truffe camuffate da assistenza tecnica prendono di mira tutti, non solo gli anziani

I truffatori dell’assistenza tecnica possono prendere di mira gli utenti di computer più anziani, ma non solo. La scarsa conoscenza del computer rende certamente gli utenti più anziani un facile bersaglio, ma sembra che anche una fiducia eccessiva nelle proprie capacità renda le vittime più giovani suscettibili di truffe di assistenza tecnica. Sembra che la maggioranza delle vittime in tutto il mondo abbia tra i 18 e i 35 anni, una fascia di persone che ha usato Internet per la maggior parte, se non per tutta la propria vita. Questo dato risulta da una ricerca della Digital Crimes Unit di Microsoft che ha scoperto che 1 persona su 10 tra i 18 e i 35 anni si è fatta ingannare da una truffa di assistenza tecnica e ci ha rimesso del denaro.

Qualunque sia la fascia d’età, la Federal Trade Commission (FTC) degli Stati Uniti dichiara che le perdite riportate negli Stati Uniti sono nell’ordine di milioni, dato che naturalmente non si tiene conto dei milioni di truffe che non vengono segnalate.

Come individuare ed evitare le truffe camuffate da assistenza tecnica

  • Per quanto riguarda gli annunci e i risultati di ricerca, presta attenzione agli errori di ortografia, all’uso di parole strane o al design e ai loghi che sembrano essere un’imitazione di quelli di un marchio affidabile.
  • Non farti ingannare dalle telefonate. Se qualcuno ti chiama con un’offerta di “assistenza tecnica”, è probabile che sia una truffa. Se poi ti chiede il pagamento in carte regalo o criptovalute come bitcoin, è sicuramente una truffa. Riattacca e basta.
  • Tieni presente che le grandi aziende tecnologiche come Apple e Microsoft non ti contatteranno mai per offrirti assistenza tecnica o per avvisarti che “c’è qualcosa non va nel tuo computer”. Queste chiamate provengono da impostori. Inoltre, in molti casi, l’azienda legittima ti offrirà assistenza gratuita in caso di necessità, in seguito a un tuo acquisto o abbonamento. Come ad esempio, ti offriamo noi con i nostri prodotti.
  • Non fare clic su nessun link e non chiamare i numeri che appaiono improvvisamente sul tuo schermo assieme all’avviso relativo a un problema con il computer. Di nuovo, questo è un segnale di un probabile tentativo di truffa. Spesso, si verificherà durante la navigazione. Chiudi semplicemente il browser e apri una nuova finestra del browser per cancellare l’annuncio o il link.
  • Vai alla fonte. Contatta direttamente l’azienda per l’assistenza, digita manualmente il suo indirizzo nel browser o chiama il numero che è stato fornito con la confezione o l’acquisto. Non eseguire ricerche. Questo ti aiuterà ad evitare gli impostori che intasano i risultati di ricerca con annunci fasulli.
  • Proteggi la tua navigazione. Usa un’estensione per la navigazione sicura che possa individuare i siti dannosi e aiutarti a evitare di selezionarli per errore. Un software di protezione online completo offrirà la protezione della navigazione, oltre alla protezione da malware e virus.

Infine, un buon consiglio generale è quello di mantenere aggiornati i tuoi dispositivi e le tue app. Gli aggiornamenti regolari spesso includono correzioni e miglioramenti della sicurezza che possono aiutare a tenere lontano i truffatori e gli hacker. Puoi configurare i tuoi dispositivi e le tue app per scaricarli automaticamente. E se hai bisogno di ottenere un aggiornamento o un download per conto tuo, scaricalo dal sito ufficiale dell’azienda. Stai lontano dai siti di terzi che possono ospitare malware.

Cosa fare se pensi di essere stato truffato:

1. Cambia le tue password.

Questo fornirà una protezione se il truffatore è riuscito ad accedere in qualche modo alle password del tuo account. Anche se impegnativa, è un’operazione fondamentale. Un gestore delle password che fa parte di una protezione online completa può semplificare molto le cose.

2. Esegui subito una scansione di malware e virus.

Elimina i file o le app che il software segnala essere un problema. Fai lo stesso anche per gli altri dispositivi nella tua rete. L’accesso a un unico dispositivo nella tua rete può consentire a truffatori esperti e determinati di infettare anche gli altri che sono connessi.

3. Blocca il pagamento.

Contatta immediatamente la tua banca, l’azienda della carta di credito, la piattaforma di pagamento online o il servizio di pagamento per annullare le spese. Presenta anche una denuncia per frode. Prima si agisce, maggiori sono le possibilità di recuperare il denaro, in parte o completamente. Nota che questa è una buona ragione per usare le carte di credito per gli acquisti online, poiché offrono una protezione extra che le carte di debito e altri servizi di pagamento non offrono.

4. Denuncia la truffa.

Negli Stati Uniti, puoi contattare https://www.ftc.gov/complaint, che segnala la denuncia a migliaia di organizzazioni di pubblica sicurezza. Anche se tali organizzazioni non possono risolvere il tuo problema individuale, possono usare la tua denuncia nell’ambito di indagini più ampie e aprire un caso contro i truffatori, rendendo in tal modo più sicura Internet per gli altri utenti. Anche il loro elenco di domande frequenti è particolarmente utile. Troviamo infatti risposta a domande importanti come “come faccio a recuperare il mio denaro?”

Goditi la tecnologia!

Un brindisi alla tecnologia che funziona. E ai rimedi rapidi quando le cose non vanno come previsto. In generale, se devi risolvere un problema tecnico, vai direttamente alla fonte per richiedere aiuto, come abbiamo descritto sopra. Come puoi vedere, i truffatori si nascondono tra annunci, risultati di ricerca e forum online apparentemente legittimi, pronti ad approfittarsi di te quando hai la necessità di far funzionare le cose nel modo giusto.

Allo stesso modo, presta la massima attenzione a quei truffatori che ti contatteranno, in particolare in questo periodo dell’anno in cui così tante persone stanno ricevendo molti nuovi dispositivi tecnologici in regalo. Tiene sempre a mente che l’assistenza tecnica legittima non chiama senza preavviso. Soprattutto, rivolgiti ai professionisti che conosci o che operano in aziende di cui ti fidi.

FacebookLinkedInTwitterEmailCopy Link

Mantieniti al corrente

“Seguici per essere sempre al corrente delle notizie di McAfee e delle ultime minacce alla sicurezza per consumer e dispositivi mobili.”

FacebookTwitterInstagramLinkedINYouTubeRSS

Altro da Sicurezza in Internet

Back to top